Most Popular


"È vietato dire mamma". Ecco il nuovo diktat della compagnia aerea
Le frontiere del politicamente corretto questa volta spiccano il volo. La compagnia aerea australiana Qantas vieta ai propri piloti e ... ...



Gattuso e i raptus finali. Allegri e i lapsus fatali

Rated: , 0 Comments
Total hits: 0
Posted on: 11/10/18
Insieme, o meglio ancora fuse insieme, sarebbero la perfezione calcistica. Per larghi tratti della sfida la Juve, con CR7 capace di stregare portieri e critici, com'è capitato in campionato e soprattutto in Champions, poi nel finale la schiuma del Milan che avvolge il rivale rendendogli scivoloso il cammino fino a cedere quasi di schianto. Prese così sono una complementare dell'altra ma nel calcio, si sa, l'operazione non è possibile e perciò bisogna tornare a separare questi ex gemelli imperfetti per capire come l'intreccio di qualità e difetti dei due team che mettono insieme una quantità industriale di coppe e di scudetti, possa rendere suggestiva la sfida di domani sera. La Juve, si sa, è reduce dalla doccia portoghese made in Mourinho, ieri assolto, perché il fatto non sussiste, dall'affettuosa dichiarazione di Ancelotti e Moratti. Quasi un coro unanime è salito al cielo di Torino a testimonianza che il problema non è la reazione di Mou ma l'insulto perpetrato per 90 minuti. Quel che succede all'armata juventina è noto ad Allegri fin dal debutto di Verona col Chievo. Il viaggio in Veneto cominciò così: 30 minuti giocati con geometrie e sicurezza prima di sedersi al tavolino del bar per prendere il tè del pomeriggio e ritrovarsi addirittura sotto 2 a 1 per poi rialzarsi infastidita e rimettere la contabilità a posto. Con il Manchester è successo qualcosa d'altro. Perché ha subito gol due volte da calcio piazzato a dimostrazione che l'attenzione e la tensione non sono spine da togliere e mettere a piacimento. O sei in grado di reggere con lucidità fino all'ultima curva, o le sorprese sono dietro (il calcio) l'angolo.Il Milan di Gattuso patisce l'opposta sindrome. Può piegarsi per lunghi tratti, farsi legale al palo del supplizio persino dall'Udinese che non è un gigante in fatto di tecnica ma solo di fisicità, per poi trovare negli ultimi assalti, le prodezze balistiche che gli consentono di scalare la classifica. A Siviglia, sistemato all'intervallo quel papocchio di schieramento tattico, Gattuso ha recuperato il pari che l'ha tenuto in vita per la qualificazione da guadagnare nel viaggio in Grecia. A Udine Romagnoli, così come col Genoa, a Siviglia Suso, così come con la Samp: le rimonte sono concentrate nel finale a dimostrazione, come sostengono taluni, che c'è della sostanza, tenuta fisica e nervosa sicuramente, oltre che sana determinazione. Forse è così. O forse si tratta di quelle forze che arrivano in soccorso nei momenti topici e di maggiore difficoltà di un gruppo, segnato in modo crudele dalla cattiva sorte. Ha perso Caldara per qualche mese, poi è caduto sul fronte Biglia operato al polpaccio e out fino a marzo-aprile, Calhanoglu ha ricevuto un pestone sulla caviglia ammaccata, Musacchio ha subito una lesione del crociato posteriore (fuori un mese e mezzo), Kessiè ha resistito come un leone ferito e Cutrone è uscito dall'Europa league senza un solo duello vinto. Higuain è recuperato ed è l'unica buona notizia proveniente da Milanello insieme con l'intervista di Ibra ("più probabile che vada io al Milan e non Wenger"). Pensare che possa bastare un gran finale per frenare la Juve è ottimismo sfrenato, immaginare che ancora una volta la Juve possa assentarsi negli ultimi 10 minuti da San Siro è un altro peccato mortale.




>>



Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?